Tempesta d’Amore: nella dodicesima stagione tutti contro Friedrich

Nella dodicesima stagione della nota soap opera bavarese Tempesta d’Amore vedremo fino a che punto si sono spinti gli sceneggiatori andando a rivoluzionare alcuni giochi di potere all’interno del Furstenhof. Così la storica diatriba tra Werner e Friedrich subirà un duro contraccolpo a causa dell’ingresso di un nuovo personaggio Adrian, un giovane uomo d’affari che subentrerà nel gruppo dirigenziale con il suo 20% per poi finire alleato proprio di Werner.

Ebbene per Friedrich le cose si metteranno molto male dato che si troverà in una condizione di eccessiva minoranza. In siffatto contesto sarà molto importante l’opinione di Charlotte che però ha ormai divorziato da Friedrich e quindi non può più proteggerlo.

Così l’uomo dovrà costantemente guardarsi alle spalle per evitare di essere estromesso dal gruppo dirigenziale. Nello stesso tempo Friedrich cercherà di far sfumare l’alleanza tra i due suoi principali nemici escogitando una serie di strategie per metterli l’uno contro l’altro. Nel suo tentativo di portare Adrian dalla sua parte finirà per scoprire un segreto tenuto nascosto da Werner per oltre 30 anni. Ebbene il marito della compianta Poppy ha coperto il responsabile di un omicidio in cui pare essere coinvolto anche il padre di Adrian, Hagen Lechner.

Ovviamente questa scoperta consentirà a Friedrich di riscattarsi dalla sua condizione e uscire fuori dallo stato di minorità imposto dagli altri due soci, ignari di essere in trappola. Inoltre Friedrich dovrà gestire anche l’inevitabile crisi con Beatrice la quale finalmente verrà vista dall’uomo per quello che realmente è: un’impavida arrampicatrice sociale. Ma la donna sarà colpita da un grave dramma personale visto che in una colluttazione con la figlia Desirée finirà per sempre sulla sedia a rotelle. Così Friedrich penserà bene di dargli un’altra opportunità mosso dalla compassione e dalla pietà, ma il loro rapporto non avrà vita facile e Beatrice scivolerà nel baratro della frustrazione.

Lascia un commento