Trasferire denaro con Transferwise

Effettuare bonifici internazionali attraverso il servizio di banking on-line fornito dalle diverse banche è diventato assai semplice: basta digitare la cifra e autorizzare la transazione da qualsiasi dispositivo tecnologico alla propria portata (smartphone, tablet, computer portatile ecc.) e il gioco è fatto.

Ma dietro queste operazioni si nascondono commissioni che il cliente non può riuscire a visualizzare in maniera immediata e trasparente. E questo come mai? Perché vengono applicate dall’istituto di credito indirettamente, agendo cioè sul tasso di cambio valuta e modificandolo facendo sì che da ciò ne derivi un guadagno per la banca.
Risultato: il correntista paga, senza neanche saperlo o credendo addirittura di fare un bonifico internazionale gratis, senza costi.

Transferwise invece offre un servizio onesto e senza trucchi, che permette di sapere in tempo reale il tasso di cambio effettivamente vigente nei mercati finanziari e che illustra sin da subito a quanto ammontano le commissioni legate a un trasferimento di denaro all’estero.
Si tratta di un modo di rapportarsi con i clienti che sta conquistando una fetta sempre più grande del mercato dei servizi finanziari, e ottenendo una recensione costantemente positiva da parte di chi usufruisce del servizio.
Per trasferire una somma di denaro fuori dall’Italia con Transferwise non servono molte operazioni da effettuare: basta andare nel rispettivo sito web e iscriversi, per poi poter liberamente trasferire il denaro.

Inoltre una volta effettuata la disposizione di trasferimento potrà sempre essere possibile per il mittente sapere a quale punto è la transazione, grazie all’aggiornamento continuo di ogni fase del procedimento che viene fornito da Transferwise.

I media specializzati in economia stanno dando grande risalto all’espansione di Transferwise, arrivando a ritenere che la sua entrata nel settore dei servizi finanziari sarà portatrice di una vera e propria rivoluzione nel modo di gestire i patrimoni e i risparmi di privati e imprese.

Lascia un commento